Comunicazione prestazioni lavorative occasionali, ancora possibile utilizzare le caselle mail

L’Ispettorato nazionale del lavoro ha fornito ulteriori precisazioni relative all’obbligo di comunicazione preventiva previsto per i lavoratori autonomi occasionali: il tema è stato trattato in maniera approfondita nell’articolo “Lavoro autonomo occasionale: gli ultimi chiarimenti per il non profit”.

 

Precedentemente lo stesso Ispettorato con la nota n. 573 del 28 marzo 2022 aveva previsto che dal 1° maggio 2022 l’unico canale valido per assolvere all’obbligo fosse quello telematico, tramite il portale Servizi Lavoro del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali (accessibile tramite Spid e Cie).

Con la nota del 22 aprile 2022 si sono invece previste alcune eccezioni a tale modalità di comunicazione, in particolare nei casi di malfunzionamento del sistema o in altre ipotesi connesse ad oggettive difficoltà del committente. In tali casi, l’Ispettorato nazionale del lavoro ritiene opportuno mantenere attive le caselle di posta elettronica.

 

Continua a leggere l'articolo a cura di Daniele Erler su Cantiere Terzo Settore

Pubblicato il: 18/05/2022