5 per mille e fundraising

In un contesto che conferma la progressiva riduzione dei finanziamenti erogati dal pubblico alle organizzazioni non profit, risulta sempre più necessario per tali enti acquisire competenze e intraprendere nuove strade per ottenere risorse economiche con cui sostenere le proprie attività.

 

La capacità di reperire risorse economiche diventa quindi davvero cruciale, in particolare in questo momento storico in cui la Riforma del Terzo settore sembra potenziare ulteriormente le possibilità per gli enti del Terzo settore di realizzare attività di raccolta fondi in forma organizzata e continuativa. 

 

In questa sezione si possono inoltre trovare notizie e materiali utili in merito all'istituto del 5 per mille, sia per quanto riguarda la procedura di iscrizione che gli obblighi di rendicontazione.

5 per mille

ATTENZIONE:

Lo scorso 3 aprile è stato pubblicato sul sito dell’Agenzia delle Entrate l’elenco completo dei beneficiari del 5 per mille 2018, con i dati relativi alle preferenze espresse dai contribuenti nella propria dichiarazione dei redditi. 

 

Il 5 per mille è un meccanismo che permette ai contribuenti (persone fisiche) di destinare, a favore di determinati soggetti giuridici (beneficiari), una parte delle imposte, comunque dovute, sui redditi prodotti nell’anno precedente.

 

Il D.lgs. 111/2017 ha riformato l’istituto del 5 per 1000 con l’obiettivo di semplificare e razionalizzare ulteriormente gli adempimenti legati a tale istituto: le sue previsioni non sono però ad oggi ancora operative poiché, da un lato, manca il Registro unico nazionale del Terzo settore (RUNTS), dall’altro non è ancora stato emanato il DPCM al fine di completare e di implementare la nuova disciplina.

 

Fra i soggetti che possono essere beneficiari del 5 per mille vi sono anche gli "enti del volontariato" e le "associazioni sportive dilettantisiche (ASD)".

 

Fra gli enti del volontariato rientrano:

  • le organizzazioni di volontariato (ODV), iscritte nei registri regionali e provinciali;
  • le associazioni di promozione sociale (APS), iscritte nei registri nazionale, regionali e provinciali;
  • le associazioni di promozione sociale le cui finalità assistenziali sono riconosciute dal Ministero dell’Interno, Onlus parziali ai sensi dell’art.10, c.9 del D. Lgs. 460/1997;
  • le Onlus, iscritte all’Anagrafe unica delle onlus;
  • le organizzazioni non governative (ONG) già riconosciute idonee ai sensi della legge n. 49/1987 alla data del 29 agosto 2014 ed iscritte all’Anagrafe unica delle Onlus su istanza delle stesse;
  • le associazioni riconosciute e le fondazioni che operano nei settori di attività delle Onlus (elencati nel D.lgs. 460/1997, all’art.10, c.1, lettera a);
  • le cooperative sociali e i consorzi di cooperative sociali, di cui alle Legge 381/1991;
  • gli enti ecclesiastici delle confessioni religiose con le quali lo Stato ha stipulato patti accordi e intese, Onlus parziali ai sensi dell’art.10, c.9 del D. Lgs. 460/1997.

 

Le associazioni sportive dilettantistiche (ASD) possono accedere al beneficio del 5 per mille solo se iscritte nel Registro telematico del CONI (e quindi riconosciute da quest’ultimo), e solamente qualora svolgano in via prevalente una delle seguenti attività di interesse sociale:

  • avviamento e formazione allo sport dei giovani di età inferiore a 18 anni;
  • avviamento alla pratica sportiva in favore di persone di età non inferiore a 60 anni;
  • avviamento alla pratica sportiva nei confronti di soggetti svantaggiati in ragione di condizioni fisiche, psichiche, economiche, sociali o familiari.

 

Qualora un ente non profit non rientri nelle casistiche menzionate non potrà accedere al beneficio del 5 per mille.

 

Qualora un ente sia presente nell’elenco permanente degli iscritti e il suo rappresentante legale (Presidente) non sia cambiato, esso non deve fare nulla ai fini dell’iscrizione al 5 per mille 2020, risultando di fatto iscritto in modo automatico.

 

Qualora un ente non sia invece iscritto nell'elenco permanente, dovrà presentare per intero la domanda di iscrizione.

 

Sul sito dell'Agenzia delle Entrate è possobile consultare il quadro completo con le scadenze per gli adempimenti relativi al 5 per mille 2020.

 

Potete trovare ulteriori informazioni sulla procedura di iscrizione al 5 per mille 2020 nelle sezioni "Notizie e materiali utili" e "Modulistica".

Nella sottosezione "Normativa" è possibile consultare la normativa di riferimento sul 5 per mille.