Newsletter Giuridica
N° 13
27/07/2017
 
NEWS In primo piano
Modello 770: proroga al 31 ottobre!
Con un Comunicato di ieri, 26 luglio 2017, il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha ufficialmente annunciato anche per quest’anno la proroga del termine per l’invio del Modello 770: dal 31 luglio si andrà al 31 ottobre.

Soggetti obbligati all’invio
Sono obbligati a presentare la dichiarazione Modello 770/2017 tutti gli le associazioni che nel 2016 hanno corrisposto somme o valori soggetti a ritenuta alla fonte, come ad esempio compensi per prestazioni di lavoro autonomo.
Come si legge nelle istruzioni alla compilazione del Modello 770/2017, la dichiarazione dei sostituti d’imposta si compone di due parti in relazione ai dati richiesti in ciascuna di esse: la Certificazione unica e il Modello 770
Nel dettaglio:
 la Certificazione unica deve essere utilizzata dai sostituti d’imposta, per comunicare, in via telematica, all’Agenzia delle Entrate i dati fiscali relativi alle ritenute operate nell’anno 2016 per lavoro dipendente, equiparati ed assimilati, redditi di lavoro autonomo (professionale e occasionale), provvigioni e redditi diversi. Nella Certificazione vengono indicati i dati anagrafici del percettore, l’ammontare lordo del compenso corrisposto, la ritenuta operata e anche, ad esempio, le somme non soggette a ritenuta. In essa non vengono dichiarati i dati relativi ai versamenti effettuati. 
Il termine per l’invio della trasmissione telematica all’Agenzia delle Entrate scadeva il 7 marzo 2017;
 il Modello 770/2017 deve essere invece utilizzato dai sostituti d’imposta per comunicare in via telematica all’Agenzia delle Entrate i versamenti effettuati con modello F24 relativi alle ritenute operate sui compensi corrisposti nell’anno 2016, e già indicati nella Certificazione Unica. Vanno inoltre indicate le eventuali compensazioni effettuate. 
La trasmissione telematica del Modello 770 doveva essere effettuata entro il 31 luglio anche se, come detto, il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha annunciato che è in corso di emanazione un DPCM con il quale il termine viene prorogato al 31 ottobre 2017, concedendo quindi una dilazione a tutti coloro che sono obbligati a presentarlo.
 
Termini più ampi anche per il ravvedimento operoso
La proroga sopra indicata comporta anche un differimento dei termini per il ravvedimento operoso, in quanto collegati al termine di presentazione dei modelli 770/2017. In particolare, qualora non venga rispettata la nuova scadenza del 31 ottobre 2017 per la presentazione dei modelli 770/2016, la violazione potrà essere regolarizzata nei successivi 90 giorni.

Sanzioni
Nel caso di omessa presentazione della dichiarazione dell’associazione sostituto d’imposta o presentazione della stessa con ritardo superiore a 90 giorni, si applica la sanzione dal 120 al 240 per cento dell’ammontare delle ritenute non versate, con un minimo di euro 258,00.


A cura dello Studio del dott. Antonino Guella


Per informazioni:
Tel. 0461/916604
consulenza@volontariatotrentino.it   
 
Cancella iscrizione Invia la tua news