UN ACCORDO TRA IL VOLONTARIATO E L’ORDINE DEI COMMERCIALISTI PER SOSTENERE IL NON PROFIT

Cosa succede quando viene siglato un protocollo d’intesa fra il Centro Servizi per il Volontariato del Trentino (CSV) e l’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Trento e Rovereto? Succede che due mondi, apparentemente distanti e diversi fra loro, contaminandosi diventano una grande risorsa per le associazioni e le organizzazioni non profit del nostro territorio.

 

In tutta Italia, si sta allungando la lista dei CSV che stanno siglando protocolli con gli Ordini locali – Verona, Venezia, Genova, Belluno, Monza, Parma, Aosta, Bologna, Messina, Vicenza, Torino e tanti altri in fase di definizione – e l’accordo di Trento è stato il primo ad avere una concreta attuazione. Infatti, si è concluso da poco un percorso formativo di 77 ore, con prova di verifica finale, al quale hanno partecipato ben 38 dottori commercialisti che operano in Trentino e una decina di funzionari dell’Agenzia delle Entrate. Un percorso sostenuto dal Comitato di Gestione del Fondo del Volontariato (Co.Ge.Vo.).

 

L’aspetto forse più rilevante dell’iniziativa è rappresentato da quanto succederà all’indomani della sottoscrizione di questa convenzione. La pressoché totalità dei partecipanti ha infatti deciso di donare più di 1000 ore (30 ciascuno) al mondo del volontariato. Così il bagaglio di competenze dei professionisti dell’Ordine potrà essere messo a disposizione della comunità in questo prezioso campo, grazie all’interazione con soggetti territorialmente rilevanti come i Comuni, le Comunità di Valle e le Casse Rurali.

Pubblicato il: 12/06/2019
IN PRIMO PIANO
+ Carica vecchie