L'Organismo nazionale di controllo dei CSV è operativo
All'inizio del mese è nato l’Organismo nazionale di controllo (ONC) dei Centri di servizio per il volontariato. Le sue funzioni e i nomi dei 13 componenti del consiglio di amministrazione sono contenuti in un decreto del ministero del Lavoro e delle Politiche sociali.

L’ONC - una fondazione privata non profit prevista dall’art. 64 del Codice - svolge il ruolo di indirizzo e di controllo della rete dei CSV ed esercita le sue funzioni anche attraverso propri uffici decentrati: si tratta degli Organismi territoriali di controllo (OTC) che, in base all’art. 65, sostituiranno gli attuali Comitati di gestione dei fondi speciali per il volontariato.

Tra le funzioni principali dell’ONC c’è anzitutto l’amministrazione del Fondo unico nazionale (FUN) per i Centri di servizio, costituito dagli accantonamenti delle fondazioni di origine bancaria, in relazione ai quali è riconosciuto un credito di imposta che sarà a regime di 10 milioni (15 nel 2018). Il Fun sarà ripartito tra i CSV secondo parametri che terranno conto sia della distribuzione storica delle risorse che di una perequazione territoriale.
Ad oggi l'ONC è pienamente operativo e ha previsto una serie di riunioni a cadenza mensile. È quanto emerso dalla prima seduta, svoltasi la scorsa settimana presso la sede dell’Acri a Roma, dove è stato nominato il segretario generale, sono stati approfonditi i contenuti dello statuto e sono stati individuati i temi prioritari da trattare.

QUI per saperne di più

Pubblicato il: 23/04/2018
IN PRIMO PIANO
+ Carica vecchie